Informazioni

Ecco chi eroga finanziamenti imprese e Start Up


Quando si avvia o si porta avanti un’attività di impresa capita sovente di avere la necessità di accedere al credito. Come fare? Prendendo come riferimento i finanziamenti imprese offerte da diversi istituti di credito oltre che da alcune amministrazioni regionali.

Finanziamenti alle imprese

Iniziamo a parlare di finanziamenti imprese analizzando i piani di Unicredit. Questo istituto di credito mette a disposizione dell’utenza pacchetti di diverso tipo utili a questo scopo e tra i tanti abbiamo scelto di analizzare le specifiche di Nuove Imprese – Start Up.

I prestiti Unicredit

Il prestito appena citato consente di richiedere fino a 100 mila euro da rimborsare attraverso un piano di ammortamento massimo di 7 anni.

Per accedere a questa tipologia di prestito è necessaria l’iscrizione alla C.C.I.A.A. da un tempo inferiore ai 21 mesi e la garanzia della possibilità di coprire almeno il 30% degli investimenti iniziali con mezzi personali.

I finanziamenti imprese, come sopra ricordato, vengono chiesti anche in situazioni di temporanea emergenza, per esempio quando si vantano crediti nei confronti di clienti o fornitori.

Cosa fare in questi casi? Approfondire le caratteristiche di un prodotto come CelerCredit. Un prestito che rientra sempre nel pacchetto di proposte che Unicredit dedica alle imprese. Come funziona questo prodotto? La prima cosa da ricordare in merito è la possibilità di richiedere un finanziamento di entità variabile a titoli di anticipo dei crediti arretrati.

Il piano di ammortamento massimo è pari a 18 mesi e la cifra richiesta viene erogata direttamente sul conto corrente.

L’offerta di Banca Intesa

Anche Banca Intesa mette a disposizione dell’utenza diverse proposte di finanziamenti imprese. Trattandosi di un prodotto molto richiesto sono numerose le alternative a disposizione, tra le quali è possibile includere il Finanziamento Liquidità Business, dedicato ai soggetti che hanno intenzione di ripristinare la liquidità aziendale.

Grazie a questa formula di accesso al credito aziendale è possibile scegliere tra mutuo chirografario, finanziamento con garanzie reali e finanziamento scorte.

Il Finanziamento Liquidità Business

Nel portafoglio di proposte Banca Intesa relative a finanziamenti imprese è possibile trovare opzioni vantaggiose come Finanziamento Liquidità Business. Dopo aver specificato le principali modalità di accesso al credito che consente, diamo qualche informazione sull’importo massimo richiedibile. Ecco le principali informazioni in merito:

  • Finanziamento chirografario: importo massimo richiedibile pari a 500.000€
  • Finanziamento con garanzie reali: importo massimo richiedibile pari a 750.000€
  • Finanziamento scorte: importo massimo richiedibile pari a 150.000€

Per quanto riguarda invece la durata massima, fondamentale è ricordare che varia da un minimo di 2 anni per il finanziamento scorte fino a un massimo di 8 anno per il finanziamento chirografario.

L’estinzione anticipata della cifra richiesta è ammessa in qualsiasi momento ed è legata al versamento di un indennizzo la cui entità varia a seconda che al momento di sottoscrizione del contratto sia stato scelto un tasso fisso o un tasso variabile.

Come ottenere finanziamenti alle PMI nel 2017

Nel novero dei finanziamenti imprese troviamo i prestiti dedicati alle PMI. Si tratta di una particolare tipologia di finanziamenti dedicati ai soggetti che sono titolari di aziende classificata come piccole o medie imprese oppure ai giovani imprenditori che desiderano aprire una start-up.

Ma chi eroga i prestiti alle PMI? Come presentare domanda? Quali sono i requisiti da rispettare? Questi gli interrogativi a cui cercheremo di trovare risposta nel corso del nostro articolo.

Iniziamo con il dire che i prestiti a PMI rappresentano un’opportunità molto importante per chi desidera avviare un’attività. Consentono di ottenere liquidità con la quale effettuare gli investimenti necessari all’avvio dell’impresa.

A chi sono rivolti

Quando si parla di finanziamenti imprese PMI è necessario chiarire innanzitutto che si tratta di prodotti dedicati a chi risulta titolare di una piccola-media impresa. Ma cos’è una PMI?

Si definisce PMI ogni azienda che risponde ai criteri di dimensioni prestabiliti dall’Ordinamento Statale. Ordinamento che prefissa determinati limiti per quanto riguarda il numero dei dipendenti dell’imprese a al fatturato della stessa.

Nello specifico, in Italia per rientrare nella categoria delle medie imprese è necessario non oltre 250 dipendenti, mentre il fatturato annuale deve essere al di sotto dei 50 milioni di euro.

Per le piccole imprese invece il limite dei dipendenti è fissato a 50 mentre il fatturato totale di bilancio annuo non deve essere superiore a 10 milioni di euro.

Lo scalino al di sotto delle piccole imprese è rappresentato dalle micro imprese. Si parla di micro imprese quando l’attività conta meno di 10 lavoratori e vanta un fatturato annuale pari al massimo a 2 milioni di euro.

Tutti i titolari di piccole o medie imprese possono presentare domanda per ottenere un finanziamento alle PMI. Mentre chi ha una micro impresa ha la possibilità di partecipare a numerosi bandi e ottenere finanziamenti pubblici, concessi dall’Unione Europea, dalle Regioni o dal altri enti locali.

Chi li concede

Ora che abbiamo visto chi può ottenere i finanziamenti imprese PMI passiamo ad un’altra questione molto importante. Quali enti li concedono di solito? Quanti sono alla ricerca di un finanziamento per le PMI saranno certamente interessati a sapere quali sono i bandi pubblicati più di frequente dallo Stato, l’UE e le varie amministrazioni locali.

Il Fondo di Garanzia

Tra questi troviamo il Fondo di Garanzia. Fondo con quale l’Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le piccole e medie imprese che si trovano in difficoltà nell’accesso al credito bancario. La garanzia concessa dal Fondo sostituisce quindi le garanzie che sono normalmente richieste per ottenere un finanziamento.

Dal 2000 il Fondo di Garanzia sostiene le imprese e i professionisti nell’accesso al credito. Il Fondo interviene su tutti i tipi di operazione, sia nel breve che nel lungo termine. La copertura concessa può arrivare fino all’80% del finanziamento per un importo massimo di 2,5 milioni di euro.

I finanziamenti europei

Come già accennato, anche l’Unione Europea mette a disposizione delle piccole e medie imprese soluzioni creditizie molto interessanti. Finanziamenti che in generale sono in grado di coprire i costi del progetto imprenditoriale fino a una soglia del 50%.

Si tratta di finanziamenti che sono concessi sotto forma di bandi. Bandi che vengono aggiornati periodicamente e di solito riproposti più volte l’anno. Spesso si tratta di bandi destinati a specifiche categorie di imprenditori o liberi professionisti che operano in particolari settori.

Informazioni
Prestiti agevolati per giovani imprenditori: chi li offre e come richiederli
Informazioni
Come funzionano i prestiti casa? Quali i requisiti d’accesso?
Informazioni
Migliore assicurazione casa online: guida alla scelta del prodotto più conveniente