Informazioni

Mutuo surroga conviene: come richiederlo e perché sceglierlo


Surroga mutuo vantaggi e costi

La surroga del mutuonota anche come portabilità, è l’operazione che consente di trasferire il finanziamento in corso presso una nuova banca. A differenza di quanto accade con la sostituzione del mutuo, il mutuo surroga conviene sempre poiché non prevede costi per i mutuatario.

Per contro tuttavia vi sono delle limitazioni. Nello specifico, non è possibile modificare l’importo del mutuo e ottenere quindi nuova liquidità. Possono però essere riviste tutte le condizioni di rimborso, dal tasso alla frequenza delle rate di ammortamento.

Una scelta senza dubbio vantaggiosa, quella di surrogare il mutuo, per chi ha in corso un finanziamento a tasso fisso sottoscritto diversi anni fa. Di recente infatti i tassi di interesse sono arrivati ai minimi storici, con un conseguente abbassamento dei costi del mutuo.

Scegliendo la surroga è possibile infatti modificare sia il tasso di interesse, che lo spread applicato dalla banca. Fattori che hanno una significativa incidenza sulla rata periodica.

Ora che abbiamo visto perché il mutuo surroga conviene, vediamo chi la concede e come presentare domanda.

Come presentare domanda di surroga mutuo 2018

La prima cosa da chiarire in merito alla richiesta di surroga mutuo è che quasi tutti gli istituti di credito mettono a disposizione mutui ipotecari con finalità di surroga. Tant’è vero che per molti mesi la surroga ha trainato il mercato dei mutui in Italia.

Per presentare la domanda, quindi, è sufficiente selezionare la banca presso la quale si desidera trasferire il finanziamento, e presentarvi la richiesta di portabilità del mutuo. In sede di domanda sono richiesti i documenti di rito per la sottoscrizione di un mutuo, ossia i documenti anagrafici e di reddito.

Si dovrà presentare inoltre tutta la documentazione relativa al finanziamento che si desidera trasferire:

  • copia del compromesso;
  • copia dell’atto di acquisto dell’abitazione oggetto del mutuo;
  • planimetria dell’unità immobiliare;
  • copia del certificato di abitabilità;
  • copia della nota di iscrizione dell’ipoteca;
  • conteggio estintivo redatto dalla banca mutuante.
Informazioni
Prestiti agevolati per giovani imprenditori: chi li offre e come richiederli
Informazioni
Sospensione Mutuo
Informazioni
Comprare casa senza mutuo: la guida al rent to buy