cosa significa spending review

luglio 30, 2012

Cosa significa spendig review?

Quale sarà il suo impatto nella vita delle famiglie? È uno dei nodi politici più significativi e dibattuti degli ultimi anni, la revisione della spesa pubblica. Con la spending review il Governo Monti intende portare a termine un processo di ristrutturazione delle casse pubbliche, andando a colpire sprechi e inefficienze senza toccare la qualità dei servizi erogati al cittadino.

È quindi chiaro che cosa significa spending review, revisione razionale della spesa pubblica. Molti cittadini si interrogano però su quali saranno, da un punto di vista operativo, le conseguenze sulle loro vite. Non si tratta in effetti di una semplice manovra, quanto di una operazione strutturale.

Vengono colpite le pubbliche amministrazioni, con un taglio del 20% dei dirigenti e del 10% dei dipendenti. Sono poi sospesi i concorsi pubblici fino al 2016, oltre a ridurre della metà le provincie italiane.

Tra le missioni a breve termine della spending review figura indubbiamente il tentativo di evitare l’aumento dell’Iva previsto entro fine anno. Ma si tratta di un provvedimento voluto non solo dai poteri politici nazionali. Esprime anche un messaggio diretto a Bruxelles, che in questo periodo esercita una particolare influenza sull’Italia.

Grazie ai tagli applicati alla pubblica amministrazione avremo un risparmio previsto di 4,5 miliardi per il 2012, di 10,5 miliardi nel 2013 e di 11 miliardi per il 2014. Saranno numerosi i settori presi in esame. Dalla sanità al pubblico impiego fino all’articolazione periferica dello Stato. Saranno tagliati i tribunali, le procure e sezioni distaccate nell’ambito della revisione delle circoscrizioni giudiziarie.

Non sono esclusi i farmaci e il pubblico impiego. Ma anche scorte, riduzione e accorpamento delle Provincie con l’obiettivo di dimezzarne il numero attuale. Dovremmo assistere inoltre a una estensione della clausola di salvaguardia ad altri 55mila esodati, che hanno raggiunto i requisiti successivamente al dicembre 2011 per un importo complessivo di 1,2 miliardi a partire dal 2014.

Prestiti Online: ultime notizie

Scopri i migliori prestiti senza cessione del quinto del 2017 Oggi è possibile informarsi sui prestiti in maniera molto semplice e rapida, scegliendo per esempio di richiedere prestiti senza cessione del quinto. Prestiti personali online senza la cessione del quinto I prestiti senza cessione del quinto comprendono diverse alternative di accesso al credito, tra le quali è possibile includere i prestiti personali online (un ottimo esempio al proposito sono i prodotti finanziari messi a disposizione da Findomestic e Agos Ducato).I vantaggi principali di...
Come funzionano i prestiti personali senza busta paga né garante Non è rara l'esigenza da parte di soggetti non lavoratori di dover richiedere un prestito ed avere la necessità di accedere al credito. Questo implica l'inoltro di una richiesta all'istituto prescelto (sia questo una banca o una società finanziaria) che si trova a doverla valutare senza aver alcun tipo di garanzia. Analizziamo quindi nel dettaglio la questione prestiti personali senza busta paga. Chi può ottenere un prestito senza busta paga Vediamo quali sono i destinatari di questo tipo di r...
Come ottenere prestiti personali a segnalati Crif nel 2017 Come ottenere credito se si è segnalati Crif 2017 I prestiti personali a segnalati Crif sono finanziamenti dedicati a quanti sono segnalati nei database delle Centrali Rischi a causa del mancato pagamento di un debito. Si tratta di prodotti che hanno caratteristiche diverse dai tradizionali prestiti personali, vediamo quindi come funzionano e quali le condizioni economiche applicate ai finanziamenti per segnalati Crif.La prima cosa da dire quando si parla di prestiti personali a segnalati è...
cosa significa spending review