Prestito senza busta paga Poste Italiane: perché sceglierlo

Richiedere un prestito senza busta paga oggi è un’esigenza molto diffusa. Queste formule di accesso al credito sono pensate sia per chi si trova in stato di inoccupazione temporanea, sia per i liberi professionisti che, per via della natura stessa del loro lavoro, non hanno entrate mensili fisse. Il prestito senza busta paga Poste Italiane è una delle soluzioni più valide in merito.

Prestito SpecialCash Poste Pay: ecco i requisiti per l’accesso

La principale formula di prestito senza busta paga Poste Italiane è il Prestito SpecialCash Poste Pay, un prodotto che prevede specifici requisiti di accesso. Quali sono? Ecco i principali:

  • Età compresa tra i 18 e i 70 anni
  • Titolarità di una carta Postepay
  • Possibilità di presentare un documento di reddito, che può essere una busta paga ma anche un vecchio CUD o un modello UNICO in caso di esercizio di libera professione

Prestito senza busta paga Poste Italiane: altre informazioni

Per approfondire le caratteristiche del prestito SpecialCash Poste Pay, la principale formula di prestito senza busta paga Poste Italiane, è opportuno dare altre informazioni tecniche, specificando per esempio quanto si può chiedere.

Il Prestito SpecialCash Poste Pay consente di accedere a tre scaglioni di finanziamento, corrispondenti rispettivamente a 750, 1.000 e 1.500€. A seconda della scelta cambia anche la durata del piano di ammortamento. Ecco uno schema per aiutare a chiarire le idee in merito:

  • Prestito da 750€: piano di ammortamento massimo pari a 15 mesi
  • Prestito da 1.000€: piano di ammortamento massimo pari a 20 mesi
  • Prestito da 1.500€: piano di ammortamento massimo pari a 24 mesi

Prestito SpecialCash Poste Pay costi: ecco cosa sapere

Come funziona il prestito senza busta paga Poste Italiane per quanto riguarda i costi? Il Prestito SpecialCash Poste Pay prevede una commissione mensile e il versamento di un’imposta di bollo. Ecco le principali regole in merito:

  • Prestito da 750€: commissione mensile pari a 4,50€ e imposta di bollo sulla prima rata corrispondente a 14,62€ (imposta di bollo una tantum di 1,81€)
  • Prestito da 1.000€: commissione mensile pari a 6€ e imposta di bollo sulla prima rata corrispondente a 14,62€ (imposta di bollo una tantum di 1,81€)
  • Prestito da 1.500€: commissione mensile pari a 9€ e imposta di bollo sulla prima rata corrispondente a 14,62€ (imposta di bollo una tantum di 1,81€)

Il TAEG del prestito SpecialCash Poste Pay

Quando si discute delle caratteristiche del prestito senza busta paga Poste Italiane è bene specificare anche la questione del TAEG. Ecco come cambiano quelli del prestito SpecialCash Poste Pay:

  • Prestito da 750€ (piano di ammortamento di 15 mesi): TAEG del 17,83%
  • Prestito da 1.000€ (piano di ammortamento di 20 mesi): TAEG del 16,29%
  • Prestito da 1.500€ (piano di ammortamento d 24 mesi): TAEG del 15,34%

PrestitiPersonali.com: notizie correlate

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *