Finanziamenti per artigiani: come funzionano e chi li offre

Oggi sono tante le soluzioni di accesso al credito per chi ha una Partita IVA e un’attività artigianale. I finanziamenti per artigiani esistono da tempo e permettono di richiedere somme di denaro in maniera rapida e sicura.

Finanziamenti per artigiani: cosa offrono le banche?

Tra i finanziamenti per artigiani è possibile includere diversi prodotti messi a disposizione da banche e società finanziarie. In questo novero si ha modo d’includere anche il prodotto Nuove Imprese Start Up, utile agli artigiani che si sono messi in proprio da poco.

Questo prestito di Unicredit consente di accedere a una cifra massima pari a 100.000€, rimborsabile con un piano di ammortamento massimo di 7 anni. I requisiti per accedere a questo finanziamento prevedono l’iscrizione alla C.C.I.A.A. da non meno di 21 mesi, la presentazione di una garanzia eligibile su almeno il 60% del prestito accordato e l’attestazione relativa alla possibilità di coprire con mezzi propri almeno il 30% degli investimenti iniziali.

Prestito per artigiani: la soluzione di BNL

Anche BNL Gruppo BNP Paribas mette a disposizione finanziamenti per artigiani. Lo fa attraverso lo strumento di Artigiancassa. Questo organismo, ormai dal 1925, gestisce fondi pubblici che permettono ad artigiani e PMI di accedere al credito in maniera sicura, scegliendo finanziamenti personalizzati per le proprie esigenze specifiche.

Fondi europei per artigiani: ecco come funzionano

Sotto il cappello dei finanziamenti per artigiani è possibile includere anche i fondi europei, che possono essere decisivi per l’avvio e per la ristrutturazione di piccole e medie imprese.

Per avere un quadro complessivo delle possibilità utili al proposito è possibile considerare come principale punto di riferimento il portale Europa.eu, una fonte essenziale quando si tratta di avere le idee chiare sulle sovvenzioni comunitarie dirette e sui finanziamenti accordati invece in maniera indiretta, ricorrendo a intermediari attivi a livello nazionale oppure presso le amministrazioni locali.

Prestiti tra privati: ecco perché possono essere utili agli artigiani

Le piccole imprese artigiane spesso hanno bisogno di accedere al credito in maniera rapida. I motivi possono riguardare buchi di cassa legati ai mancati pagamenti da parte dei fornitori. Non sempre le banche sono interlocutori utili al proposito perché allungano i tempi.

Per questo motivo, quando si parla di prestiti per artigiani, è possibile includere anche il social lending, una soluzione per accelerare le tempistiche senza mettere in secondo piano la sicurezza.

I prestiti tra privati, molto popolari in Italia, permettono di accedere a cifre inferiori a 30.000€, che possono rivelarsi utili per tamponare situazioni di emergenza temporanea.

I portali autorizzati a gestirli sono Smartika e Prestiamoci.it. In entrambi i casi l’accesso al credito è possibile solo a fronte della presentazione di garanzie reddituali solide. Da ricordare è che, in caso d’insolvenza, vengono attivate tutte le procedure tradizionali di recupero del credito.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.