Ikea finanziamenti 2017: arredare la casa con un occhio al portafoglio

Arredare la casa è il desiderio di tantissime famiglie. Non sempre però è possibile sostenere in una sola fase tutte le spese. Ecco perché i brand di arredamento hanno messo a punto delle soluzioni per venire incontro ai consumatori. Vediamo come si compone l’offerta Ikea finanziamenti.

Finanziamento con Ikea 2017: quanto si può chiedere

Quando si parla di Ikea finanziamenti si inquadra un servizio di accesso al credito che permette di richiedere una cifra minima pari a 300. La cifra massima ottenibile, invece, corrisponde a 30.000€.

Le attuali condizioni di rimborso hanno iniziato a essere valide dal 1 settembre 2016 e rimarranno tali fino al 31 agosto 2017.

Come funziona di preciso questo finanziamento? Per capirlo facciamo un esempio pratico immaginando l’acquisto di un bene che costa 990€. Considerando un piano di ammortamento della durata di 24 rate, si avrebbe un impegno economico mensile di 44,53€.

TAN fisso e TAEG sono al 7,46 e al 7,72%. L’importo totale da rimborsare è pari a 1.068,72€. Da ricordare è che questo finanziamento è messo a disposizione grazie a una partnership con la società finanziaria Findomestic.

Vantaggi del finanziamento con Ikea: ecco cosa sapere

Un vantaggio senza dubbio interessante di Ikea finanziamenti riguarda il fatto che non è necessario avere un contratto da dipendente a tempo indeterminato.

La formula generale prevede infatti la possibilità di acquistare beni del brand chiedendo un prestito anche se si è assunti a tempo determinato. Si tratta di una soluzione riservata a un pubblico specifico, ossia i giovani di età compresa tra i 18 e i 34 anni.

Richiedere un finanziamento con Ikea: cosa serve

Cosa serve per richiedere Ikea finanziamenti? I criteri in questione variano a seconda della tipologia di clienti. I privati devono presentare la carta d’identità e il documento di reddito da lavoro o da pensione.

Per i cittadini stranieri è obbligatoria la presentazione del permesso di soggiorno. Il suddetto deve scadere dopo la fine del piano di ammortamento.

Finanziamento Ikea Business 2017: come funziona

Degni di nota sono anche Ikea finanziamenti business. Questa formula prevede l’accessibilità da parte di liberi professionisti, società di persone, società di capitali e studi associati.

Quali sono i documenti da presentare per la richiesta di credito? Per capirlo bene facciamo l’esempio del libero professionista. Il suddetto cliente deve presentare il modulo della privacy firmato, il documento d’identità e l’ultimo modello Unico.

Essenziale è anche mostrare l’iscrizione ufficiale a un albo professionale. In mancanza di tale riferimento è possibile prendere in considerazione il certificato di attribuzione della partita IVA.

Per le società è necessaria la presentazione dell’atto di costituzione e di un bilancio di esercizio. Il suddetto è obbligatorio per le realtà che vengono gestite con contabilità ordinaria.

PrestitiPersonali.com: notizie correlate

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *