Prestiti in 24 ore senza busta paga

Prestiti in 24 ore senza busta paga: quali sono le offerte in corso

I prestiti personali senza busta paga sono una soluzione molto vantaggiosa per chi non ha un’occupazione o un reddito dimostrabile ma necessita di una liquidità immediata. Vengono erogati sia da banche che da finanziare. A differenza dei prestiti “finalizzati” i prestiti personali sono liberi dalla figura del convenzionato: non c’è alcun bisogno di giustificare le spese derivate dal prestito. Il consumatore senza busta paga è libero dall’obbligo di destinazione e può ottenere somme, anche se non troppo elevate, da utilizzare a proprio gusto e piacimento. Questi finanziamenti sono rivolti chi non è in grado di attestare un reddito frutto del lavoro dipendente, ovvero una bella fetta di società: disoccupati, giovani lavoratori, studenti, lavoratori autonomi e casalinghe. Dunque voler ad esempio acquistare un’auto nuova pur non avendo un lavoro, o per una casalinga voler fare un acquisto extra ,o ancora per uno studente volersi mantenere gli studi senza gravare sulle spalle dei genitori, non è più un sogno lontano: con i prestiti personali senza busta paga si può.

Prestito veloce in 24 ore: Garanzie necessarie per ottenerlo

Se la busta paga non è più un problema per il consumatore, c’è bisogno comunque di garanzie di altro tipo per ottenere il prestito in modo da rassicurare l’istituto creditizio sulla capacità di restituire il debito. E’ chiaro che questo tipo di finanziamento deve adattarsi alle esigenze di un gran numero di categorie di cittadini, di conseguenza anche il tipo di garanzia richiesta cambia in base al consumatore richiedente. Da sottolineare che non è ammesso in nessun caso risultare “cattivi pagatori” al CRIF (Centrale Rischi Finanziari) né per il consumatore diretto che per un eventuale garante.
Quali sono le garanzie richieste per ottenere un prestito veloce in 24 ore? Avere un Garante o Fideiussore: un garante è una persona che si impegna ufficialmente a pagare il debito qualora il consumatore diretto non ne fosse più in grado. Il soggetto in questione deve presentare un ottimo profilo creditizio, ovvero a sua volta deve disporre di garanzie solide per far fronte ad un eventuale rimborso alla banca. Garanzie Ipotecarie o pignoratizie: l’ipoteca su un immobile di proprietà può essere un valido aiuto per ottenere il finanziamento di cui si ha bisogno. Ma attenzione: per prestiti di piccola entità è molto difficile che il prestito venga concesso, poiché un’ipoteca “parziale” della casa risulta per la banca poco conveniente. Nella maggior parte dei casi non può coprire il rientro completo del debito. Pegno a garanzia: Il credito su pegno è l’ideale per i consumatori senza busta paga. Possedere dei beni di valore come gioielli o pietre preziose da impegnare può fruttare una buona liquidità immediata. Il Modello Unico: per il lavoratori autonomi il Modello Unico, ovvero il modello ordinario di dichiarazione dei debiti che attesta, anche senza busta paga, entrate regolari negli ultimi anni (meglio ancora dichiarazioni almeno degli ultimi tre anni) può essere un ottimo garante per la cessione del prestito da parte dell’istituto creditizio.

Rendite alternative: per chi non ha una busta paga ma è titolare di rendita ci sono comunque buone possibilità di ottenere un finanziamento. E’ questo il caso ad esempio di mogli disoccupate e divorziate che percepiscono un assegno di mantenimento mensile dai coniugi, oppure di chi ha investito un piccolo capitale che frutta un’entrata costante.

Cambiali: per prestiti cambializzati la banca può decidere di pignorare i beni in caso di cattivo pagamento anche di una sola rata, per un importo pari all’ammontare della o delle rate mancate. In questo processo non si necessita di azioni legali come sentenza di condanna o decreto ingiuntivo.

Offerte di prestito in 24 ore senza busta paga in corso nel 2018

Ci sono varie e valide offerte da prendere in considerazione per prestiti senza busta paga in 24 ore.
Ecco, in base ai destinatari e in base alle garanzie scelte, una lista dei più convenienti finanziamenti del 2018:

Findomestic: è una società che fa parte del Gruppo Intesa BNP Paribas e permette di richiedere il prestito anche online con l’opzione di firma digitale. Il finanziamento concesso può arrivare fino ai 30mila euro da restituire entro 10 anni. Come garanzia è approvata quella del fideiussore: un prestito ideale per giovani, studenti, o per chi è intestatario di un immobile. Con i prestiti Findomestic senza busta paga E’possibile inoltre modificare le modalità di pagamento della rata online in caso di difficoltà nel pagamento.

Prestiti Compass senza busta paga: è un’agenzia di credito molto flessibile in tema di rate e di assoluzione del debito. Il finanziamento concesso anche in questo caso può arrivare fino ai 30mila euro. Ci sono varie tipologie di agevolazioni sulle rate offerte da Compass: Metodo Jump, ovvero la possibilità di saltare una rata una volta l’anno; Opzione Total Flex che permette di ridurre una rata e di saltarne un’altra, una volta l’anno; metodo Cifra Tonda che permette di pattuire l’importo da pagare per tutti i mesi, comprese le spese di assoluzione. Questo tipo di prestito può risultare molto conveniente ai lavoratori autonomi o freelancer online, anche agli artisti e creativi.

Agos: è una società finanziaria italiana che opera nel settore dell’erogazione del credito e crea prestiti su misura sia per disoccupati che per studenti. Le garanzie accettate per la cessione del finanziamento sono: Garanti o Fideiussari; Modello 730 che dimostri movimenti bancari attivi nell’anno precedente; immobili o altri valori che possano fungere da “pegno”. Puoi leggere ulteriori informazioni in merito i prestiti Agos senza busta paga nell’apposita sezione.

Poste italiane: è una società che si occupa della gestione del servizio postale in Italia, ma è anche operativa nei settori finanziari. Il prestito concesso da Poste italiane anche senza busta paga e garante è il Mini Prestito BancoPosta: per richiederlo bisogna semplicemente essere titolari di una Postepay Evolution e presentare il Modello 730 che attesti un reddito. La somma viene accreditata direttamente su Postepay ma la cifra è alquanto contenuta: si parte da un minimo di 1.000 fino a un massimo di 3.000 euro da restituire entro 22 mesi.

Bisogna comunque tener presente che un prestito senza busta paga in 24 ore richiederà in genere un tasso d’interesse maggiore di un prestito finalizzato.

Prestiti in 24 ore: attenzione alle truffe

Nei momenti di debolezza economica, si sa, la prevenzione viene meno e l’avventatezza può prendere il sopravvento. Ma bisogna subito rendersi conto se ci si trova davanti a una situazione pregiudizievole: le truffe con i finanziamenti, pratiche diffuse soprattutto nell’online, sono negli ultimi anni un pericolo sempre più crescente per i consumatori. Per salvaguardarsi bisogna valutare il tipo di offerta che viene proposto:

  • Prima di tutto diffidare da un tipo di offerte troppo facili e convenienti.
  • Diffidare da offerte con tassi di interesse troppo bassi.
  • Diffidare da offerte semplici ma con tassi di interesse troppo alti che potrebbero essere fuori mercato o usurari.
  • Avere un preventivo scritto, consultare i moduli informativi e visualizzare con attenzione il contratto.

Dopo la lettura di quest’articolo il consumatore ha in mano tutti gli strumenti per scegliere il prestito che gli si addice e che si adatti maggiormente alle proprie esigenze. Bisogna sempre tenere presente che la scelta di fare un finanziamento non deve essere avventata né presa con superficialità. Dopo che con sicurezza e lucidità è fatta un’analisi del tipo di prestito da richiedere, con maggiore serenità si potrà sfruttare la liquidità immediata e così realizzare un piccolo sogno che prima non sembrava possibile.

PrestitiPersonali.com: notizie correlate