Mutui Prima Casa

Guide sui mutui prima casa

In questa pagina tutto quello che devi sapere sull’acquisto della prima casa. Le guide ed i consigli dei nostri esperti inerenti i prestiti personali ed i mutui prima casa.

Maggiori informazioni per i questa tipologia di mutui la trovi qui: http://www.mutuoprimacasa.org.

Le informazioni che devi sapere

Se finalmente avete deciso di fare il grande passo e di acquistare la vostra prima casa, sono molteplici gli aspetti da considerare prima di procedere con l’acquisto vero e proprio e con la scelta dei mutui acquisto prima casa.




I punti più importanti da valutare per scegliere il giusto immobile sono: la posizione (meglio optare per un’area in crescita), il proprio budget, le esigenze sia personali che familiari, i servizi e le infrastrutture vicine alla casa e, infine, la rivalutazione dell’immobile nel caso in cui decidiate di rivendere a distanza di tempo.

Mutui prima casa 2016 2017

Di mutui per l’acquisto della prima casa ce ne sono molti, in questo portale potrai vedere tutte le differenze.

Una volta soppesati tutti questi aspetti ed una volta che avete individuato la casa adatta a voi, non vi rimane che procedere con la fase d’acquisto; si tratta, nello specifico, di diverse azioni che, una volta terminate, vi permetteranno di entrare in possesso dell’immobile vero e proprio.

Nel caso dell’acquisto di una prima casa il Fisco offre delle agevolazioni per cui vengono richiesti dei requisiti specifici che possono variare anche da regione a regione; in generale, comunque, esistono principalmente due agevolazioni sostanziali nell’acquisto di una prima casa:

– l’imposta di registro o l’IVA si paga con aliquota ridotta; nel caso in cui il venditore dell’immobile sia soggetto ad IVA, questa sarà del 4% anziché del 10%, mentre nel caso di imposta di registro, la percentuale sarà del 3% anziché del 7%.

– le imposte ipotecarie e catastali sono dovute in misura fissa, pari a 168 euro l’una.

Agevolazioni mutui casa 2016

Per poter usufruire di queste due agevolazioni esistono alcuni requisiti minimi obbligatori, quali:

  • la prima casa non deve essere considerata come “abitazione di lusso”, le cui specifiche sono evidenziate nel Decreto Ministeriale 2.8.69;
  • l’ubicazione della prima casa deve essere nel comune di residenza dell’acquirente o, nel caso in cui il soggetto non risieda ancora nel comune in cui è situato l’immobile, sarà tenuto a trasferire la propria residenza entro 18 mesi dall’acquisto, oppure, infine, nel comune in cui l’acquirente svolge la propria attività.
  • se l’acquirente si è trasferito all’estero per lavoro, l’immobile deve essere situato nel comune in cui ha sede l’azienda da cui dipende.
  • l’acquirente, inoltre, deve dichiarare di non essere titolare esclusivo, o in comunione con il coniuge, di un’altro immobile, né nel comune di residenza, né su tutto il territorio nazionale.



Da tenere presente che a seguito della nuova manovra economica ci sarà il ritorno dell’IRPEF anche sulla prima casa con conseguenti tagli sulle detrazioni e deduzioni previsti sull’acquisto della prima casa: dal 2013 chi possiede una casa dovrà pagare il 5% della rendita catastale dell’immobile e, dal 2014, ci sarà un aumento delle tasse del 20% della rendita catastale.

1 2 10